Letteratura

Interviste a scrittori e recensioni di libri, letteratura d'autore e autori emergenti.

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter di AARTIC, contenuti selezionati di Arte, News, Eventi e Mostre

Il sacco bello  - Stefano Pittarello

di Anna Rubbini

Stefano Pittarello esordisce come romanziere pubblicando la storia di un periodo importante dello sviluppo urbanistico della sua città, una Mestre che oggi, lentamente, sta riscoprendo la sua identità “cittadina”, dal retroterra antico e prospero, sepolto da un secolo di tonnellate di cemento e orribili industrie che l'hanno resa ricca e tristemente famosa in Europa per la bruttezza estetica e il terribile inquinamento.

Con “Il sacco bello”, titolo del romanzo di Pittarello, già abile cronista e giornalista televisivo, l’autore racconta la storia della sua città natale, rievocando e trasformando la figura dell’Assessore all’Ambiente Gaetano Zorzetto, trasposto  nel libro come Tano Zorzi, colui che per primo segnò il recupero di Mestre e Marghera, schiacciate dalla speculazione edilizia ed economica degli anni ‘70.

Un paladino di questa località, ingiustamente etichettata come “periferia” di Venezia, che si è battuto per ridare alla città un polmone verde – intaccato simbolicamente dall’abbattimento del bosco di Villa Ponci durante una lontana notte di San Silvestro negli anni ’40 -  e per trasformare la grande discarica di rifiuti tossici di San Giuliano in un grande parco. Lo stesso Parco che oggi possiamo vantare come il più grande d’Europa, e che il suo fautore non vide mai realizzato, lasciandoci poco prima che il suo ambizioso progetto si realizzasse.

<Il sacco bello>, dunque, è proprio una depredazione al contrario, è il racconto dell’attività di un uomo illuminato, ancor prima che un politico; un amministratore profondamente affezionato alla sua città, che ha fatto della sua vita una missione per dare dignità all’entroterra di Venezia, senza porla per questo in contrasto con la sua importanza.

Un uomo per molti versi somigliante all’autore Stefano Pittarello, legato alla sua provenienza mestrina tanto da volerne recuperare in questo romanzo il lontano passato, quando ancora esistevano luoghi ameni e ritmi di vita agresti e per certi aspetti romantici, prima che lo scempio urbanistico ne annientasse le più propizie origini e aspirazioni.

Una lettura accattivante, che incuriosisce attraverso la scelta estrosa dei personaggi, ispirati dalla storia ma travisati dalla fantasia; attraverso i racconti curiosi, e talvolta tragici, di Paesi lontani dove protagonisti inventati diventano assolutamente realistici nella loro malvagità, rendendo più accettabile lo sviluppo sregolato di una cittadina piegata alle logiche di chi l’ha gestita in tempi di crisi.

Un esordio riuscito, dunque  -  anche se abbiamo già avuto il piacere di leggere Pittarello come co-autore nel romanzo Langewang, il disastro della puntualità -;  ma che scopriamo con “Il sacco bello” , autore capace e originale interprete di uno spirito di appartenenza creduto sopito, vissuto in prima persona da cittadino orgoglioso e lungimirante, che intravede già dal lontano passato le reali potenzialità, gli aspetti positivi e gradevoli, del vivere una Mestre più bella, soprattutto con una rinnovata e autentica dignità.

Per AARTIC

l'"Opera non fatturabile" 

di SANTOLO DE LUCA.

Tre splendidi dipinti esclusivi per la nostra vetrina crouwdfunding.

Inoltre, i tappeti natura di PIERO GILARDI, un disegno di ALDO DAMIOLI e le foto di BETTY ZANELLI. 

Per ogni informazione scrivete a: a.a.r.t.iniziativeculturali@gmail.com

...leggi di più

Articoli Recenti

Mancati Acrobati - di Alice Rubbini

"La lettura e il suo gioco"-Gerard Unger

di Martina Pazzi

Stanley Morison, nel 1936, sosteneva che l’attività tipografica, alla stregua dell’architettura, fosse ‘un’arte di servizio’. E che il tipografo dovesse essere ortodosso, in quanto . continua a leggere >

David Harris. Enciclopedia della calligrafia 

pg 1 - Martina Pazzi

καλὸς è polisemico, in greco antico. Assume sia il significato di “bello”, che quello, altrettanto letterale, di “buono”, e la sua significanza va oltre il mero concetto estetico  continua a leggere>

"La paura fa '90...ancora."  

Santolo De Luca

…Stiamo parlando di un decennio caratterizzato da nuove e diverse istanze politiche, la rivoluzione digitale, la globalizzazione. continua a leggere >

"paeSaggi" la nuova rubrica di Renzogallo

Abbiamo chiesto all’artista Renzogallo - per la qualità del suo lavoro e per la sua esperienza, ...- di parlarci del paesaggio in tutte le sue declinazioni. 

continua a leggere>

Intervista ad Andrea Molesini di Anna Rubbini

Andrea Molesini, pluripremiato come scrittore ma anche poeta, scrittore di novelle per bambini, ora in uscita con un nuovo romanzo, “La solitudine dell’assassino”, per Rizzoli Editore...contimua a leggere

< Ciao > l'ultimo romanzo di Walter Veltroni  - di Anna Rubbini

Caterina Borsato  "Langewang Il Disastro della puntualità"

Una storia vera che si svolge nel settembre del 1951: un treno di ritorno da Vienna, che trasporta una comitiva di ferrovieri italiani, si schianta contro... conntinua a leggere>

La Forma delle Nuvole  - Caterina Ferruzzi   di Anna Rubbini

Il Presagio - Andrea Molesini                 di Anna Rubbini

L’ultima opera scritta da Andrea Molesini è una storia d’ambientazione storica narrata sapientemente con l’uso di una lingua poetica e romantica ...continua a leggere>

Se apprezzi il nostro lavoro sostieni l'associazione aARTic con una donazione