U26

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter di AARTIC, contenuti selezionati di Arte, News, Eventi e Mostre

Sveva Angeletti

Fotografia


Cari lettori, visitatori, amici. Vi giuro su chiunque vogliate io giuri, che non mi è mai capitato di incontrare un’opera capace di ammutolirmi come “Fotografia”.

Dopo giorni e giorni di lavoro e analisi, di cento frasi e parole scritte, tre si sono legate indissolubilmente in un titolo che continuo a ripetermi come la preghiera di un rosario laico: Carne, Corpo e Spirito Santo.
Davanti all’opera sembra di assistere alla rivelazione di un mistero, svelato con la disarmante semplicità dei messaggi più potenti.
Qualsiasi spiegazione, analisi o interpretazione ulteriore snaturerebbe l’opera, la inquinerebbe.
Quindi farò ciò che penso sia giusto fare, ovvero annullarmi, sottrarre la critica all’intervento critico, ridurla al solo scheletro, all’essenzialità di un titolo che ha il sapore di un consiglio fraterno. Carne, Corpo e Spirito Santo.


Giovanni Damiani

Castello di Rivara Museo d’arte contemporanea

Equinozio d’autunno 

Sveva Angeletti
Rieti, 1991.
Vive e lavora a Roma.
Formazione:
Progettazione e arti applicate, design
R.U.F.A. Rome University of Fine Art
Principale mezzo espressivo della sua poetica è la fotografia.
La sua è un’indagine antropomorfa che cerca di interpretare le
transazioni emotive, epidermiche e sensoriali tra le persone,
immortalandole nelle loro manifestazioni.
Sveva è una fotografa, ma anche una performer e una scultrice.
Si appropria di poesie, oggetti quotidiani. Non predilige l'uno o l'altro
linguaggio visivo, costruendo in questo modo un percorso visivo
eterogeneo, armonioso e chiaro, lontano dal didascalico, fortemente
evocativo, alle volte ermetico.
Spesso costruisce i suoi soggetti, li plasma, li modifica e poi li
immortala sintetizzando discorsi in immagini.
Difficilmente parte da tesi solide, strutturate e dimostrabili. Piuttosto
ha delle intuizioni alle quali proprio nella sperimentazione stessa cerca
conferme o smentite. Un metodo empirico, basato sull'esperienza.
 

ESPOSIZIONI
2016
- Equinozio d’autunno, Castello di Rivara - Museo di arte contemporanea
A cura di Franz Paludetto, con un testo di Giovanni Damiani
Fotografia
- SetUp Art Fair - Bologna
A cura di Giovanni Damiani
A casa ovunque
2015
- Residenza artistica Cosenza - The BoCs Art
A cura di Alberto Dambruoso, con un testo di Giovanni Damiani
A casa ovunque
2014
- Destinazione d’uso, Castello di Rivara – Centro d’arte Contemporanea
A cura di Franz Paludetto
Centro di Documentazione Fotografica
- MedioEra, Festival di cultura digitale, Viterbo
A cura di Serena Achilli
Second Portrait
2013
- Equinozio D’autunno, Castello di Rivara - Centro d’arte Contemporanea
A cura di Franz Paludetto
Ventiquattrogiorni
- Opening Contemporary, Galleria Roma-Torino di Franz Paludetto
A cura di Franz Paludetto
First Portrait
- Premio Nazionale delle Arti, Accademia di Belle Arti di Bari
Mostra collettiva finalisti edizione 2012-2013
Untitled 2013

Articoli Recenti

Per AARTIC

l'"Opera non fatturabile" 

di SANTOLO DE LUCA.

Tre splendidi dipinti esclusivi per la nostra vetrina crouwdfounding.

Inoltre, i tappeti natura di PIERO GILARDI, un disegno di ALDO DAMIOLI e le foto di BETTY ZANELLI. 

Per ogni informazione scrivete a: a.a.r.t.iniziativeculturali@gmail.com

...leggi di più

U26 - Sacha Turchi

Sacha Turchi attualmente vive e lavora in Italia e collabora con vari artisti visivi. Le interazioni traindividuo e natura, corpo/psiche e cervello, costituiscono la matrice essenziale della sua ricerca...continua a leggere>

U26 - Guendalina Urbani

POETICA. Guendalina Urbani basa la sua ricerca su un idea di precarietà e tensione esistenziale, facilmente intuibile grazie alla forte espressività dei suoi lavori, che sono in grado di trasmetterci....continua a leggere>  

U26 - Barbara Baroncini

POETICA. La ricerca si concentra sul concetto di pelle e sulla superficie delle cose, indagati con la pratica del calco e della manipolazione di materiali naturali ed artificiali....continua a leggere>  

Se apprezzi il nostro lavoro sostieni l'associazione aARTic con una donazione