Appuntamenti

Segnalazione degli appuntamenti più significativi del settore artistico e culturale

LA VALLE INCANTATA - ARTE SELLA

di Anna Rubbini

La Natura è rivelazione di Dio; l’Arte, rivelazione dell’uomo.
(Henry Wadsworth Longfellow)

La grande arte riprende da dove finisce la natura.
(Marc Chagall)

Ho la natura, l’arte e la poesia, e se questo non è sufficiente, che cosa posso volere di più?
(Vincent van Gogh)

Quando uomini e montagne si incontrano, grandi cose accadono.
(William Blake)

Voglio parlarvi di un’esperienza per me davvero affascinante, inaspettatamente interessante e stimolante, un passaggio che penso renda migliore chi riesce a realizzarlo. Non capita spesso, infatti, di vivere situazioni straordinarie in un ambiente normalmente scelto per una gita in altura piuttosto che per un’escursione di trekking.  

Spesso nella vita capita che, vuoi per pigrizia, vuoi per leggerezza, si vada a trascorrere il tempo libero in modo consueto, al mare o in montagna, al lago o in collina, purché questo ci dia la sensazione di sfuggire dall’ordinario.

Esistono luoghi, in realtà, che sono solo un po’ più in là rispetto alle nostre mete abituali e che riescono a superare la comune concezione di relax, di passeggiata o di svago, portando ad immergersi nella natura con un valore aggiunto, con un grande senso di rispetto per l’ambiente e di ammirazione verso la capacità dell’uomo di rapportarsi alla natura attraverso l’Arte.

Uno di questi luoghi è la Val di Sella, una località del Trentino situata sulle Prealpi Vicentine nei pressi dell'Altopiano di Asiago, che si contraddistingue poiché accoglie e promuove da molti anni un’iniziativa artistica di grande respiro, così grande da rappresentare uno dei Parchi Scultura più belli e significativi che abbiamo in Italia.

Arte Sella” è un progetto d’arte ambientale contemporanea unico nel suo genere, che ha preso il via una trentina d’anni fa e che tutt’ora continua a crescere nelle dimensioni e nella presenza di artisti che negli anni hanno aderito allo sviluppo del programma. L’incontro del linguaggio artistico, della sensibilità e della diversa ispirazione di ciascun autore, ha trovato terreno fertile e il desiderio comune d’ intessere un fecondo e continuo dialogo tra la creatività e il mondo naturale.

Inserendosi nella corrente della Land Art, altrimenti definita Earth Art, che ha avuto i suoi esordi in America agli inizi degli anni ’70, ma che presto ha riscosso seguaci in tutto il mondo, questa manifestazione è stata ideata nel 1986 da alcuni amici del luogo appassionati d’Arte. L’intento era riscuotere l’adesione di artisti che avessero, come loro, una particolare sensibilità nei confronti dell’ambiente e predisposizione per un lavoro di ricerca. Fu’ questo un potenziale determinante per riuscire a coinvolgere personalità di ogni provenienza e ambito artistico e culturale.

Ebbe così inizio la trasformazione e valorizzazione di questo luogo incontaminato, recuperandolo alle avversità delle stagioni e ridonando alla sua natura interventi ornamentali con l’utilizzo di materiali organici e oggetti che, a differenza di quelli utilizzati dalla Land Art, non vogliono caratterizzare bensì esaltare lo spazio naturale in cui vengono inseriti.

La natura diventa allora un elemento primario, di studio, di interpretazione, di cultura e di alchimia benefica e originale rispetto a qualsiasi altro progetto prima intrapreso.

L’Arte in questa Valle assume un valore di riavvicinamento, di rispetto e di potenziale energia che dalla natura si sprigiona e diventa essenziale fonte di conoscenza e di arricchimento spirituale e culturale.

L’esposizione delle prime due edizioni si avvalse del parco privato di Villa Strobele, originario ingresso alla mostra. Le due rassegne rappresentano, nella storia della manifestazione, le linee guida per la nascita successiva di un’organizzazione strutturata e funzionale, un’Associazione stabile che sorse nel 1990, integrando un collettivo di funzionari di diversa provenienza ma accomunato dal desiderio di dare un personale contributo al cambiamento socio culturale del territorio.

Nel 1998 l’esposizione principale si spostò presso uno spazio più ampio e versatile della stessa valle, la vicina Malga Costa: il luogo divenne presto riferimento della comunità artistica coinvolta nel programma di sviluppo del Parco, sede di dibattiti e scambi interculturali tra i protagonisti degli eventi.

L’opera iconica di Arte Sella sorse nel 2001, la Cattedrale Vegetale di Giuliano Mauri, che riproduce nelle dimensioni una vera cattedrale gotica a tre navate che con il tempo e la crescita degli alberi di cui è composta, “work in progress biologico”, raggiungerà la copertura del tetto ed il suo volume strutturale definitivo.

Da quel momento si può dire che il progetto compie un’evoluzione determinante per il futuro della Valle, una nuova sensibilità e una crescita del territorio e dei suoi abitanti che, attraverso l’Arte, conoscono la possibilità di riappropriarsi dell’ambiente attraverso un nuovo rapporto con la natura, vivendolo come esperienza etica, culturale ed artistica nello stesso tempo.

E’ sorprendente come gli artisti che hanno esposto negli anni siano riusciti a creare un pathos così profondo e irradiante con l’ambiente, interagendo e contaminando nel tempo anche i diversi linguaggi della cultura non solo artistica ma della letteratura, della musica e della poesia, facendo diventare il programma della rassegna non più soltanto artistico ma multidisciplinare.

L’esperienza a cui mi riferivo all’inizio risulta tanto originale quanto multisensoriale, cosa ancora più rara se si pensa che stiamo parlando di spazi aperti, di natura e di artificio che entrano in sinergia anziché in conflitto.

Ancora una volta, a riconferma di quanto la nostra sensibilità e la nostra mente possa essere arricchita costantemente anche in luoghi, modi e momenti inaspettati.

Si può esistere senza arte, (-e cultura- ndr.), ma senza di essa non si può Vivere.

(Oscar Wilde)

 

12-08-2020

Arte Sella.jpg

Parco sculture Arte Sella

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter di AARTIC, contenuti selezionati di Arte, News, Eventi e Mostre

CROWDFOUNDING

Per AARTIC

l'"Opera non fatturabile" 

di SANTOLO DE LUCA.

Tre splendidi dipinti esclusivi per la nostra vetrina crouwdfunding.

Inoltre, i tappeti natura di PIERO GILARDI, un disegno di ALDO DAMIOLI e le foto di BETTY ZANELLI. 

Per ogni informazione scrivete a: a.a.r.t.iniziativeculturali@gmail.com

...leggi di più

Letture Raccomandate

In questo mumero

Appuntamenti-Io resto a casa

di Anna Rubbini

PalazzoRealeTorino.jpg

In queste ultime settimane, come ormai da quasi due mesi, a tutti credo sia capitato di soffermarsi su un pensiero che, al di là della paura del contagio vero e proprio, sopraggiunge..continua a leggere >

"Angels" - Giovanni Pulze

di Anna Rubbini

Giovanni Pulze Color.jpeg.jpg

Al tema degli angeli è dedicata la parte più importante della sua opera e lo ritroviamo anche nelle diciotto tele qui esposte sui tre piani della sede veneziana.continua a leggere >

"Heaven" - Giovanna Caimmi

di Alice Rubbini

CaimmiMostra005.jpg

"La paura fa '90...ancora." - Terzo capitolo

Santolo De Luca

Voltati, Bianca

di Martina Pazzi

Si volta verso l’osservatore, che, curioso, la scruta, collegando gli ideali puntini propri delle leggi di unificazione figurale che, ...continua a leggere>

16^ Edizione Biennale Architettura

di Anna Rubbini

20180524_173559.jpg

Eccezionalmente affidata alla cura di un duo femminile Yvonne Farrell e Shelley McNamara, fondatrici del rinomato e consolidato studio di architettura Grafton...continua a leggere>

Nuove emozioni di Lorenzo Quinn sul Canal Grande

di Anna Rubbini

La-Forza-della-Natura-Lorenzo-Quinn.jpg

Dopo il successo di “Support”, ...nuova bellezza con altre due opere dello stesso Quinn “La Forza della natura” e “Volare” . continua a leggere >

<The Support> -Le mani si sono messe in viaggio,

di Anna Rubbini

_Support_LQ.jpg

Un viaggio programmato quello dell’opera < Support > di Lorenzo Quinn, per portare nel mondo, a partire dalla sua amata Venezia, un messaggio di  continua a leggere >

L'Architettura della Velocità

di Anna Rubbini

IMG-20180613-WA0012.jpg

Velocità, un sostantivo spontaneamente riconducibile alla fisica, alla dinamicità di un corpo, alla rapidità dello scorrere del tempo.... continua a leggere >

Riflessioni su Cartoline dall'errore

di Anna Rubbini

Cartoline dell'errore.jpeg

Numeri precedenti

Quattro artisti per un autore

di Porter Ducrist

In questo numero il giovane critico Porter Ducrist presenta quattro artisti, proposti in una serie di mostre monografiche nello spazio dal nome ideale di . continua a leggere >

Biennale Arte 2017 - Considerazioni finali 

di Anna Rubbini

Da veneziana ex allieva di Belle Arti e da sempre amante dell’Arte figurativa, la Biennale rappresenta un riferimento vicino e certo per soddisfare una curiosità ...continua a leggere>

Mancati Acrobati - di A.R.

Mancati Acrobati è il tiolo della prima raccolta di poesie di Martina Pazzi (di Bertoni Editore, presentato a Perugia lo scorso 15 dicembre), testi essenziali, concisi, parole... continua a leggere >

U26 - Emanuele Chiappero

Avevo 3 anni e ricordo perfettamente il momento in cui i miei genitori mi regalarono una fisarmonica giocattolo tutta blu con l’interno giallo. Mio papà era molto appassionato di musica occitana e spesso mi portava continua a leggere >

"La lettura e il suo gioco"-Gerard Unger

di Martina Pazzi

Stanley Morison, nel 1936, sosteneva che l’attività tipografica, alla stregua dell’architettura, fosse ‘un’arte di servizio’. E che il tipografo dovesse essere ortodosso, in quanto . continua a leggere >

Intervista allo scultore Renzogallo

di Alice Rubbini

"Il sacco bello" - Stefano Pittarello

di Anna Rubbini

Stefano Pittarello esordisce come romanziere pubblicando la storia di un periodo importante dello sviluppo urbanistico della sua città, una Mestre che oggi, lentamente,...

continua a leggere >

"La paura fa '90...ancora." -

Terzo capitolo,   di Santolo De Luca

Work in progress -. continua a leggere >

Videointervista a Alberto Fortis

"La paura fa '90...ancora." -Secondo capitolo

di Santolo De Luca

… L’esempio più significativo che testimoniava negli stessi anni, tale cambiamento della figura del gallerista, fu senz’altro l’avvento operativo  dell’imprenditore Charles Saatchi . continua a leggere >

Ho,ho,Home...e il festival si è avverato!

di Anna Rubbini

Si, perché è un sogno che si realizza L’Home Festival di Amedeo Lombardi e del suo affiatato staff, condividendo con migliaia di persone l’idea di grande famiglia ..continua a leggere >

 

Un paesaggio è uno stato d'anmo

di Stefano Damiano

Cominciare una riflessione sul paesaggio con questa frase di Henri Frédéric Amiel può sembrare una scelta azzardata...

continua a leggere>

Biennale Antartica 2017

di Anna Rubbini

.Nella programmazione di quest’anno, si inserisce la prima edizione della Biennale Antartica, titolo che fa eco alla mostra che la prevede, nella sede del Antartic Pavillion alle Zattere...continua a leggere>

La storia di Aliou Diack -1987- da Sidi Bougou, regione d i M’bour , Senegal

di Carmen Lorenzetti

Ho conosciuto Aliou Diack ad aprile, alla Paris Art Fair 2017. Quest’anno il focus era dedicato all’Africa. ...continua a leggere>

Biennale 2017  Eventi Irene Zuedel

di Anna Rubbini

Irene Zundel, dall’Argentina con <Oltre il velo dell’apparenza> debutta a Venezia durante la Biennale.

Abbiamo visto per la prima volta le sue opere nella sede...continua a leggere>

Da Venezia un esclusivo fuori Biennale, alla presentazione dell'opera <Support> LORENZO QUINN  ci racconta il suo lavoro continua a leggere >

 

di Anna Rubbini

Restauro tessile: un antico magico mestiere

di Elisabetta Ciampoli

 Il restauro dei beni culturali è un' attività che richiede molta professionalità e rispetto per il patrimonio storico-artistico. Con questo termine intendiamo... continua a leggere> 

U26 - Sacha Turchi

Sacha Turchi attualmente vive e lavora in Italia e collabora con vari artisti visivi. Le interazioni traindividuo e natura, corpo/psiche e cervello, costituiscono la matrice essenziale della sua ricerca...continua a leggere>

U26 - Sveva Angeletti

Cari lettori, visitatori, amici. Vi giuro su chiunque vogliate io giuri, che non mi è mai capitato di incontrare un’opera capace di ammutolirmi come “Fotografia”....continua a leggere>  

"La pictografia, un modus imitandi unico al mondo" di Martina Pazzi

Un tempo c’era la mano del falsario, dietro un intento imitativo. C’è ancora oggi, certo. Ma, a partire dal 2000, anno in cui i fratelli tifernati ... continua a leggere>

U26 Guendalina Urbani presentata daGiovanni Damiani 

Guendalina Urbani basa la sua ricerca su un idea di precarietà e tensione esistenziale, facilmente intuibile grazie alla forte espressività dei suoi lavori, che sono in grado di .... conntinua a leggere>

"Constellation" - Melissa McGill

di A.R.

Non ho ancora avuto la fortuna di vedere quest’opera se non attraverso il web e attraverso i racconti di Melissa McGill: una “creatura”, o creazione, che... continua a leggere

“ Certe giornate indimenticabili ” Perugia, Museo civico di Palazzo della Penna 

di Martina Pazzi

Gli incontri a casa di Bettina e Brajo Fuso, Renato Guttuso li ricordava così, tutti sincerità e bellezza e gioia vera della vita. Un’esposizione, allestita  nelle sale del Museo Civico di Palazzo della Penna, di Palazzo Cesaroni e del Fuseum (Centro d’Arte di Brajo Fuso), a Perugia ...continua a leggere>

Intervista a Vittorio Urbani - Nuova Icona

di Anna Rubbini

In un momento storico particolare quanto irrisolto, dove molte attività si eclissano esiste a Venezia una Associazione Culturale che da più di vent’anni segna la scena dell’Arte Contemporanea italiana e internazionale.Parliamo di...continua a leggere>

About Me - Michele Mariano

“Perché si lavora? Certo per produrre cose e servizi utili alla società umana, ma anche, e soprattutto, per accrescere i bisogni dell’uomo, ... continua a leggere

Intervista all'Architetto Giovanni Marani

di A.R.

Giovanni Marani, architetto, si dedica alla sua radicata passione per il vetro come materiale d'arredo, sempre viva e alimentata dalla frequentazione di noti vetrai come i maestri Valmarana, Tiozzo e Seguso. ,,, continua a leggere>

Cinema Recensioni di Revenant e Hateful Eight - di Alice Rubbini

Ho visto Revenant e The hateful eight prima delle loro vittorie agli Oscar: due western drammatici, dalle trame essenziali anche se...continua a leggere>

Riflessioni dai giorni di Arte Fiera 2016 a Bologna - di Carmen Lorenzetti

Per quanto Arte Fiera e i suoi eventi collaterali sia stata dibattuta, lodata o criticata, ha comunque generato degli spunti di riflessioni. E questo è comunque un fatto positivo. Mi soffermerei ... continua a leggere

Perugia Capitale dei Giovani 2016

di Martina Pazzi

Il capoluogo umbro è stato insignito del prestigioso titolo di “Capitale Italiana dei Giovani”, quale “giusto riconoscimento per lo sforzo progettuale e ... continua a leggere>

L'età delle favole antiche.Annibale Brugnoli e l'arte a Perugia nel periodo simbolista - di Martina Pazzi

I Ritorni - di Giuseppe Salvatori 

Da Artista, ciò che mi ha sempre colpito e affascinato nella ceramica popolare italiana degli anni ’50 e ’60, e a cui per molto tempo non ho saputo dare un perché, è l’evidente e irrisolto ... conntinua a leggere>

Sonia Di Pietro di Vincenzo Casali

Sonia, italiana di Pavia, vive da alcuni anni a Barcellona -una città scelta per l’ammirazione e l’affinità con la sua vivacità sociale, intellettuale e creativa- dove ha curato tra le altre cose l’allestimento degli spazi... continua a leggere

To David Bowie

"Io sto per morire... so che mancano pochi mesi alla fine della mia esperienza terrena.....continua a leggere>

Se apprezzi il nostro lavoro sostieni l'associazione aARTic con una donazione