Editoriale

AARTIC è un acronimo, dei nostri nomi e cognomi “A.A.R.T.”

e di “iniziative culturali”, l’associazione culturale produttrice di questa rivista.

Alice Rubbini - direttore responsabile

Diversamente da ogni accompagnamento ai numeri precedenti, volevo dedicare al TEMPO il mio pensiero, perché ne è passato troppo e perché sono cambiate molte cose nel trascorso, nel bene o nel male, nella vita e in generale, mutamenti importanti, non per tutti condivisibili, e nemmeno accessibili, e perché, in fondo, anche la lentezza è un tempo da rispettare. Il tempo fluisce, è il sentimento inesorabile che ci mette più alla prova divorando ogni cosa, e noi cerchiamo parole su parole per rincorrerlo, e qualche volta superarlo, ma è lui che vince sempre, e ci sorprende nelle sue forme e nelle sue sfumature. E tutto ciò che facciamo immaginiamo e cerchiamo, è tempo consumato e su cui lavorare, amico e nemico, lucido e impietoso testimone, beffardo ladro di speranze e di bellezza e di se stesso, sì perché quante volte abbiamo dato tempo al tempo e nel frattempo abbiamo, comunque, perso qualcosa. Ogni fremente attesa, così come ogni silenzio e lontananza o un ritorno promesso sono infiniti e relativi e non hanno dimensione eppure li sentiamo dentro, esaltanti come un arrivo inaspettato e mortificanti come un’assenza che rimane senza voce. Insomma il tempo è forse l’unica cosa che abbiamo e che più ci manca e che sappiamo meglio disperdere come se fosse interminabile perché in fondo il tempo è vita e luce e lungimiranza e tante altre cose ancora. A volte però penso che l’unico tempo vero sia il presente, ieri e domani sono tempo della memoria e delle attese,  ed è al respiro del presente che ci dobbiamo abbandonare... e per fortuna, malgrado tutto e tutti, “c’è tempo”, come dice Ivano Fossati nella sua meravigliosa poesia/canzone del 2003 raccolta nell’album “Lampo Viaggiatore”, parole intense che volano sulle note di una musica perfetta:

Dicono che c'è un tempo per seminare 
E uno che hai voglia ad aspettare 
Un tempo sognato che viene di notte 
E un altro di giorno teso 
Come un lino a sventolare

C'è un tempo negato e uno segreto 
Un tempo distante che è roba degli altri 
Un momento che era meglio partire 
E quella volta che noi due era meglio parlarci

C'è un tempo perfetto per fare silenzio 
Guardare il passaggio del sole d'estate 
E saper raccontare ai nostri bambini quando 
È l'ora muta delle fate

C'è un giorno che ci siamo perduti 
Come smarrire un anello in un prato 
E c'era tutto un programma futuro 
Che non abbiamo avverato

È tempo che sfugge, niente paura 
Che prima o poi ci riprende 
Perché c'è tempo, c'è tempo c'è tempo, c'è tempo 
Per questo mare infinito di gente

Dio, è proprio tanto che piove 
E da un anno non torno 
Da mezz'ora sono qui arruffato 
Dentro una sala d'aspetto 
Di un tram che non viene 
Non essere gelosa di me 
Della mia vita 
Non essere gelosa di me 
Non essere mai gelosa di me

C'è un tempo d'aspetto come dicevo 
Qualcosa di buono che verrà 
Un attimo fotografato, dipinto, segnato 
E quello dopo perduto via 
Senza nemmeno voler sapere come sarebbe stata 
La sua fotografia

C'è un tempo bellissimo, tutto sudato 
Una stagione ribelle 
L'istante in cui scocca l'unica freccia 
Che arriva alla volta celeste 
E trafigge le stelle 
È un giorno che tutta la gente 
Si tende la mano 
È il medesimo istante per tutti 
Che sarà benedetto, io credo 
Da molto lontano 
È il tempo che è finalmente 
O quando ci si capisce 
Un tempo in cui mi vedrai 
Accanto a te nuovamente 
Mano alla mano 
Che buffi saremo 
Se non ci avranno nemmeno 
Avvisato

Dicono che c'è un tempo per seminare 
E uno più lungo per aspettare 
Io dico che c'era un tempo sognato 
Che bisognava sognare

 

In questo numero 9, in evidenza troviamo un articolo di Anna Rubbini sulle nuove sculture di Lorenzo Quinn, sempre esposte nella bellissima cornice della “dimora, hotel, spazio multimediale” di Ca’ Sagredo,  e sul trasferimento della sua opera, la più fotografata del 2017 nonché parte vincente degli eventi “fuori biennale”, “Support”, le grandissime mani pensate per aiutare una Venezia che sprofonda, che dopo un anno di esposizione sul Canal Grande rimangono in attesa di nuova collocazione nel territorio veneziano. Sempre Anna Rubbini scrive sulla 16a Biennale di Architettura di Venezia, con un’inevitabile confronto (anche se confronto proprio non c’è!!!) con la bellissima e interessantissima precedente edizione curata dall’eclettico ed energetico Alejandro Aravena. Un ulteriore contributo di Anna è nell’articolo dedicato alla mostra sul mito della velocità tenutasi a Forte Marghera a Mestre negli spazi gestiti dal Comune di Venezia, nonché delle “riflessioni su Cartoline dell’errore”, un libro di poesie di Gian Pietro Barbieri, di recentissima presentazione. Una precisa analisi invece, della mostra curata da Vittorio Sgarbi “Da Raffaello a Canova, da Valadier a Balla. L’arte in cento capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca” a Perugia è firmata da Martina Pazzi, che con minuzia di dettagli e dovizia di particolari, ci conduce ad una “quasi” visita virtuale. C’è poi la terza parte dell’analisi critica che Santolo De Luca fa nei confronti dell’arte, vista attraverso la propria esperienza di artista che ha iniziato la sua carriera negli anni ’80, e attraverso le sue opere, in un contraddittorio parallelo con gli autori internazionali che assieme a lui hanno dato vita alla storia dell’arte contemporanea, e che ci racconterà procedendo nel suo particolare stile linguistico, per accompagnarci un po’ alla volta fino al presente.

Inserisci la tua email per ricevere la newsletter di AARTIC, contenuti selezionati di Arte, News, Eventi e Mostre

Per AARTIC

l'"Opera non fatturabile" 

di SANTOLO DE LUCA.

Tre splendidi dipinti esclusivi per la nostra vetrina crouwdfunding.

Inoltre, i tappeti natura di PIERO GILARDI, un disegno di ALDO DAMIOLI e le foto di BETTY ZANELLI. 

Per ogni informazione scrivete a: a.a.r.t.iniziativeculturali@gmail.com

...leggi di più

Letture Raccomandate

In questo mumero

"La paura fa '90...ancora." - Terzo capitolo

Santolo De Luca

Voltati, Bianca

di Martina Pazzi

Si volta verso l’osservatore, che, curioso, la scruta, collegando gli ideali puntini propri delle leggi di unificazione figurale che, ...continua a leggere>

16^ Edizione Biennale Architettura

di Anna Rubbini

20180524_173559.jpg

Eccezionalmente affidata alla cura di un duo femminile Yvonne Farrell e Shelley McNamara, fondatrici del rinomato e consolidato studio di architettura Grafton...continua a leggere>

Nuove emozioni di Lorenzo Quinn sul Canal Grande

di Anna Rubbini

La-Forza-della-Natura-Lorenzo-Quinn.jpg

Dopo il successo di “Support”, ...nuova bellezza con altre due opere dello stesso Quinn “La Forza della natura” e “Volare” . continua a leggere >

<The Support> -Le mani si sono messe in viaggio,

di Anna Rubbini

_Support_LQ.jpg

Un viaggio programmato quello dell’opera < Support > di Lorenzo Quinn, per portare nel mondo, a partire dalla sua amata Venezia, un messaggio di  continua a leggere >

L'Architettura della Velocità

di Anna Rubbini

IMG-20180613-WA0012.jpg

Velocità, un sostantivo spontaneamente riconducibile alla fisica, alla dinamicità di un corpo, alla rapidità dello scorrere del tempo.... continua a leggere >

Riflessioni su Cartoline dall'errore

di Anna Rubbini

Cartoline dell'errore.jpeg

Numeri precedenti

Quattro artisti per un autore

di Porter Ducrist

In questo numero il giovane critico Porter Ducrist presenta quattro artisti, proposti in una serie di mostre monografiche nello spazio dal nome ideale di . continua a leggere >

Biennale Arte 2017 - Considerazioni finali 

di Anna Rubbini

Da veneziana ex allieva di Belle Arti e da sempre amante dell’Arte figurativa, la Biennale rappresenta un riferimento vicino e certo per soddisfare una curiosità ...continua a leggere>

Mancati Acrobati - di A.R.

Mancati Acrobati è il tiolo della prima raccolta di poesie di Martina Pazzi (di Bertoni Editore, presentato a Perugia lo scorso 15 dicembre), testi essenziali, concisi, parole... continua a leggere >

U26 - Emanuele Chiappero

Avevo 3 anni e ricordo perfettamente il momento in cui i miei genitori mi regalarono una fisarmonica giocattolo tutta blu con l’interno giallo. Mio papà era molto appassionato di musica occitana e spesso mi portava continua a leggere >

"La lettura e il suo gioco"-Gerard Unger

di Martina Pazzi

Stanley Morison, nel 1936, sosteneva che l’attività tipografica, alla stregua dell’architettura, fosse ‘un’arte di servizio’. E che il tipografo dovesse essere ortodosso, in quanto . continua a leggere >

Intervista allo scultore Renzogallo

di Alice Rubbini

"Il sacco bello" - Stefano Pittarello

di Anna Rubbini

Stefano Pittarello esordisce come romanziere pubblicando la storia di un periodo importante dello sviluppo urbanistico della sua città, una Mestre che oggi, lentamente,...

continua a leggere >

"La paura fa '90...ancora." -

Terzo capitolo,   di Santolo De Luca

Work in progress -. continua a leggere >

Videointervista a Alberto Fortis

"La paura fa '90...ancora." -Secondo capitolo

di Santolo De Luca

… L’esempio più significativo che testimoniava negli stessi anni, tale cambiamento della figura del gallerista, fu senz’altro l’avvento operativo  dell’imprenditore Charles Saatchi . continua a leggere >

Ho,ho,Home...e il festival si è avverato!

di Anna Rubbini

Si, perché è un sogno che si realizza L’Home Festival di Amedeo Lombardi e del suo affiatato staff, condividendo con migliaia di persone l’idea di grande famiglia ..continua a leggere >

 

Un paesaggio è uno stato d'anmo

di Stefano Damiano

Cominciare una riflessione sul paesaggio con questa frase di Henri Frédéric Amiel può sembrare una scelta azzardata...

continua a leggere>

Biennale Antartica 2017

di Anna Rubbini

.Nella programmazione di quest’anno, si inserisce la prima edizione della Biennale Antartica, titolo che fa eco alla mostra che la prevede, nella sede del Antartic Pavillion alle Zattere...continua a leggere>

La storia di Aliou Diack -1987- da Sidi Bougou, regione d i M’bour , Senegal

di Carmen Lorenzetti

Ho conosciuto Aliou Diack ad aprile, alla Paris Art Fair 2017. Quest’anno il focus era dedicato all’Africa. ...continua a leggere>

Biennale 2017  Eventi Irene Zuedel

di Anna Rubbini

Irene Zundel, dall’Argentina con <Oltre il velo dell’apparenza> debutta a Venezia durante la Biennale.

Abbiamo visto per la prima volta le sue opere nella sede...continua a leggere>

Da Venezia un esclusivo fuori Biennale, alla presentazione dell'opera <Support> LORENZO QUINN  ci racconta il suo lavoro continua a leggere >

 

di Anna Rubbini

Restauro tessile: un antico magico mestiere

di Elisabetta Ciampoli

 Il restauro dei beni culturali è un' attività che richiede molta professionalità e rispetto per il patrimonio storico-artistico. Con questo termine intendiamo... continua a leggere> 

U26 - Sacha Turchi

Sacha Turchi attualmente vive e lavora in Italia e collabora con vari artisti visivi. Le interazioni traindividuo e natura, corpo/psiche e cervello, costituiscono la matrice essenziale della sua ricerca...continua a leggere>

U26 - Sveva Angeletti

Cari lettori, visitatori, amici. Vi giuro su chiunque vogliate io giuri, che non mi è mai capitato di incontrare un’opera capace di ammutolirmi come “Fotografia”....continua a leggere>  

"La pictografia, un modus imitandi unico al mondo" di Martina Pazzi

Un tempo c’era la mano del falsario, dietro un intento imitativo. C’è ancora oggi, certo. Ma, a partire dal 2000, anno in cui i fratelli tifernati ... continua a leggere>

U26 Guendalina Urbani presentata daGiovanni Damiani 

Guendalina Urbani basa la sua ricerca su un idea di precarietà e tensione esistenziale, facilmente intuibile grazie alla forte espressività dei suoi lavori, che sono in grado di .... conntinua a leggere>

"Constellation" - Melissa McGill

di A.R.

Non ho ancora avuto la fortuna di vedere quest’opera se non attraverso il web e attraverso i racconti di Melissa McGill: una “creatura”, o creazione, che... continua a leggere

“ Certe giornate indimenticabili ” Perugia, Museo civico di Palazzo della Penna 

di Martina Pazzi

Gli incontri a casa di Bettina e Brajo Fuso, Renato Guttuso li ricordava così, tutti sincerità e bellezza e gioia vera della vita. Un’esposizione, allestita  nelle sale del Museo Civico di Palazzo della Penna, di Palazzo Cesaroni e del Fuseum (Centro d’Arte di Brajo Fuso), a Perugia ...continua a leggere>

Intervista a Vittorio Urbani - Nuova Icona

di Anna Rubbini

In un momento storico particolare quanto irrisolto, dove molte attività si eclissano esiste a Venezia una Associazione Culturale che da più di vent’anni segna la scena dell’Arte Contemporanea italiana e internazionale.Parliamo di...continua a leggere>

About Me - Michele Mariano

“Perché si lavora? Certo per produrre cose e servizi utili alla società umana, ma anche, e soprattutto, per accrescere i bisogni dell’uomo, ... continua a leggere

Intervista all'Architetto Giovanni Marani

di A.R.

Giovanni Marani, architetto, si dedica alla sua radicata passione per il vetro come materiale d'arredo, sempre viva e alimentata dalla frequentazione di noti vetrai come i maestri Valmarana, Tiozzo e Seguso. ,,, continua a leggere>

Cinema Recensioni di Revenant e Hateful Eight - di Alice Rubbini

Ho visto Revenant e The hateful eight prima delle loro vittorie agli Oscar: due western drammatici, dalle trame essenziali anche se...continua a leggere>

Riflessioni dai giorni di Arte Fiera 2016 a Bologna - di Carmen Lorenzetti

Per quanto Arte Fiera e i suoi eventi collaterali sia stata dibattuta, lodata o criticata, ha comunque generato degli spunti di riflessioni. E questo è comunque un fatto positivo. Mi soffermerei ... continua a leggere

Perugia Capitale dei Giovani 2016

di Martina Pazzi

Il capoluogo umbro è stato insignito del prestigioso titolo di “Capitale Italiana dei Giovani”, quale “giusto riconoscimento per lo sforzo progettuale e ... continua a leggere>

L'età delle favole antiche.Annibale Brugnoli e l'arte a Perugia nel periodo simbolista - di Martina Pazzi

I Ritorni - di Giuseppe Salvatori 

Da Artista, ciò che mi ha sempre colpito e affascinato nella ceramica popolare italiana degli anni ’50 e ’60, e a cui per molto tempo non ho saputo dare un perché, è l’evidente e irrisolto ... conntinua a leggere>

Sonia Di Pietro di Vincenzo Casali

Sonia, italiana di Pavia, vive da alcuni anni a Barcellona -una città scelta per l’ammirazione e l’affinità con la sua vivacità sociale, intellettuale e creativa- dove ha curato tra le altre cose l’allestimento degli spazi... continua a leggere

To David Bowie

"Io sto per morire... so che mancano pochi mesi alla fine della mia esperienza terrena.....continua a leggere>

Se apprezzi il nostro lavoro sostieni l'associazione aARTic con una donazione